Questa metodica, che sfrutta la tecnologia LASER o RADIOFREQUENZA, permette il trattamento dell’Incontinenza Safenica con un approccio endovascolare, mini-invasivo: si evita l’incisione inguinale e lo stripping safenico. La costante evoluzione dei materiali e della tecnica ha migliorato notevolmente i risultati di tale metodica, che comporta comunque una precisa indicazione emodinamica in base al quadro clinico e alle caratteristiche delle varici del paziente. E’ effettuata un’incisione al di sotto del ginocchio, attraverso la quale viene “incannulata” la Vena Grande, che viene poi coartata mediante l’energia rilasciata dalla fibra Laser o dal catetere della Radiofrequenza. Si associano Varicectomie/Flebectomie di completamento per l’asportazione delle varici collaterali di coscia e/o gamba. L’intervento è eseguito in regime di Day-Surgery, in anestesia spinale o loco-regionale; il recupero della deambulazione avviene dopo circa 2-3 ore e il paziente è dimesso la sera stessa. Il decorso post-operatorio, generalmente poco doloroso, si articola con deambulazione quotidiana e il rientro all’attività lavorativa avviene dopo circa 21 giorni dall’intervento. Questa tecnica può essere impiegata anche per il trattamento dell’incontinenza della Vena Piccola Safena.