Questo ampio ventaglio di tecniche chirurgiche mira alla cura ed alla risoluzione di tutte le lesioni cutanee “difficili”, quali le Ulcere degli Arti Inferiori, che non riescono ad arrivare a guarigione con i normali trattamenti medici ambulatoriali. Propedeutico ad ogni intervento chirurgico, è un preciso inquadramento clinico-anamnestico del paziente da parte dello specialista di riferimento e dell’anestesista, al fine di indicare la migliore tecnica chirurgica ed il tipo di anestesia da adottare. In sala operatoria si effettua un Debridement Chirurgico (pulizia approfondita), mirato all’asportazione di tessuto non vitale-infetto-necrotico, che possiamo trovare sul fondo dell’ulcera. Successivamente possono essere allestiti lembi cutanei o effettuati Innesti di cute da donatore (Omologa), Autoinnesti di cute prelevata dal paziente stesso (Autologa), o Innesti di tessuti bio-ingegnerizzati o sostituti dermici, associati eventualmente con terapia a pressione topica negativa. Di recente introduzione ed oggetto di ampia ricerca scientifica, sono le tecniche che sfruttano le prerogative delle Terapie Cellulari, quali ad esempio le Cellule Staminali derivate dal tessuto adiposo.