Image Alt

Capillari e Varici Reticolari

Capillari e Varici Reticolari

I più comuni inestetismi vascolari degli arti inferiori sono le Teleangectasie o Capillari e le Varici Reticolari. Si tratta di piccoli vasi dilatati, di varia dimensione e colore (rosso, blu, viola), che si trovano al di sotto degli strati più superficiali della pelle, per lo più causati da un malfunzionamento del microcircolo e/o da un’insufficienza venosa sottostante.

I capillari si manifestano spesso in aree specifiche degli atri inferiori, come ad esempio il lato esterno della coscia, il lato interno del ginocchio, la parte esterna della gamba, il lato posteriore del ginocchio, oltreché in corrispondenza del malleolo o della caviglia. Rappresentano una fastidiosa problematica estetico-funzionale, che spesso non consente alle donne, anche di giovane età, di sentirsi a loro agio con le proprie gambe e con il proprio corpo, soprattutto durante la stagione primaverile/estiva, in cui tendiamo a scoprirci.

E’ bene sottolineare, inoltre, che i capillari sono spesso spia di un problema circolatorio sottostante, quale l’Insufficienza Venosa Cronica, la cui precisa diagnosi sarà affrontata durante la prima visita medica, mediante l’esame diagnostico Ecocolordoppler venoso degli arti inferiori. Pertanto, è sempre opportuno affidarsi ad un medico specialista del settore, che possa individuare eventuali problematiche nascoste al di là del difetto estetico.

I principali fattori di rischio che contribuiscono allo sviluppo delle teleangectasie sono:

  • Familiarità
  • Gravidanza
  • Sovrappeso
  • Assunzione di contraccettivi ormonali
  • Stile di vita sedentario
  • Ortostatismo prolungato (stare in piedi per tante ore)
  • Scarsa attività fisica
  • Alimentazione

Trattamenti ambulatoriali

Il trattamento più diffuso ed efficace delle teleangectasie e delle vene reticolari degli arti inferiori è la Scleroterapia o terapia sclerosante, eseguito in regime ambulatoriale: tale procedura, generalmente ben tollerata, consiste nell’iniettare all’interno dei vasi trattati una soluzione chimica (sclerosante), che provoca una fibrosi del vaso sanguigno per chiuderlo fino a farlo scomparire. Per raggiungere il risultato sono necessarie più sedute, perché gli stessi capillari in genere devono essere trattati più volte; il numero di sedute varia a seconda della risposta soggettiva e dal tipo di capillari.

In alcuni casi specifici, in cui vi siano controindicazioni alla terapia sclerosante oppure i capillari abbiano determinate caratteristiche e dimensioni, le teleangectasie possono essere trattate mediante applicazioni di Laser Transdermico. Anche questa tipologia di trattamento, eseguita in regime ambulatoriale, deve essere di norma ripetuta più volte per rimuovere del tutto i capillari e può essere anche abbinata alla Scleroterapia.

Trattamenti ambulatoriali: le opzioni

MICRO-SCLEROTERAPIA

La Scleroterapia è, ancora oggi, la tecnica migliore per il trattamento delle Teleangectasie o Capillari degli arti inferiori. Consiste nell’effettuare micro-iniezioni di sostanze sclerosanti all’interno dei vasi, ottenendo la regressione, nel tempo, di questi inestetismi vascolari. L’uso di tale metodica può essere allargato a vasi varicosi di maggior calibro ed a tronchi safenici, attraverso l’utilizzo di guida ecografica.

Come agisce:

Esistono vari tipi di sostanze sclerosanti: ciascuna presenta una propria indicazione, efficacia e possibilità d’insorgenza di effetti collaterali. Il meccanismo d’azione è dato dalla “capacità lesiva” di tali sostanze, per l’endotelio del vaso sottoposto a trattamento. Questo, progressivamente, va incontro a fibrosi e viene successivamente riassorbito, scomparendo dalla zona sottoposta al nostro intervento.

Tecnica d’esecuzione:

La seduta di scleroterapia si svolge effettuando delle micro-iniezioni di sostanza sclerosante, con l’uso di piccole siringhe ed aghi molto sottili, all’interno dei vasi capillari. La procedura è indolore: in corrispondenza dei punti trattati si applicano dei piccoli tamponi, rimossi il giorno seguente. Si consiglia l’uso di calze elastiche, ed il trattamento non pone limitazioni all’attività fisica o lavorativa normalmente svolta dalla paziente. La durata d’intervallo tra le sedute è di circa tre settimane.

SCLEROTERAPIA CON TRANS-ILLUMINAZIONE

Questa metodica si avvale dell’ausilio di un’apparecchiatura specifica per la trans-illuminazione cutanea. Permette l’individuazione dei vasi varicosi reticolari sottocutanei afferenti, che spesso si trovano al di sotto, delle teleangestasie (capillari). Una tecnica innovativa, permette di ottenere risultati migliori e soprattutto più duraturi nel tempo per il trattamento di questa fastidiosa problematica di cui molte donne sono affette.

LASER TRANS-DERMICO GAMBE E VISO

Il laser Neodimio Yag 1064 nm ad impulso lungo è, ad oggi, una delle migliori sorgenti laser per il trattamento trans-dermico degli inestetismi di natura vascolare (dai 0,3 ai 3 mm). Attraverso l’uso di questo strumento e, nel caso degli arti inferiori integrandolo con la Scleroterapia, otterremo il risultato più efficace per l’eliminazione delle Teleangectasie-Capillari degli arti inferiori e del viso.

Come agisce:

La Laser-Terapia è dotata di un’alta capacità di penetrazione nei tessuti e di un’alta selettività per il cromoforo all’interno del capillare, così da evitare il più possibile danni alla cute circostante. Si ottiene la foto-coagulazione diretta dei vasi ectasici trattati. Da sottolineare l’importanza della visita specialistica, per porre l’indicazione corretta al trattamento, al fine di ottenere il miglior risultato possibile ed il minor numero di effetti collaterali.

Tecnica d’esecuzione:

Le sedute hanno una durata di circa 20-30 minuti. Si utilizzano dispositivi di raffreddamento della cute o creme anestetiche, per diminuire il più possibile il fastidio della paziente. A seconda della dimensione dei capillari su cui si agisce, possiamo ottenere la loro scomparsa immediata, oppure, come nella maggioranza dei casi, una colorazione più scura, che poi scomparirà quando i vasi verranno riassorbiti, dopo circa 4 settimane. La durata d’intervallo tra le sedute è di circa 60 giorni, durante i quali la paziente dovrà assolutamente evitare l’esposizione solare.

Trattamenti chirurgici

CHIRURGIA CON MICRO-INCISIONI PER UN MIGLIOR RISULTATO ESTETICO

Un approccio d’avanguardia per la cura della Malattia Varicosa, rivolto soprattutto alle giovani donne che presentano varici di piccole o medie dimensioni. Attraverso l’uso di una particolare metodica di Trans-Illuminazione Cutanea, è possibile ridurre al minimo la dimensione delle incisioni, così da evitare poi l’apposizione di punti di sutura ed avere un ottimo risultato dal punto di vista estetico. Tale tecnica presenta una ridotta traumaticità, può essere effettuata in anestesia locale o loco-regionale, permettendo al paziente un rapido recupero delle attività quotidiane.