Image Alt

Trombosi venose e flebiti

TROMBOSI VENOSE E FLEBITI

Le Trombosi Venose degli arti inferiori possono essere di tipo Superficiale (TVS-FLEBITI) o Profonde (TVP), a seconda del circolo venoso in cui si sviluppano. Alla base del meccanismo patogenetico vi è la formazione di un trombo, cioè di un coagulo di sangue, all’interno di una vena colpita. Il coagulo occlude la vena completamente o parzialmente, determinando un’infiammazione ed un ostacolo al normale deflusso ematico, con conseguenti lesioni valvolari e aumento della pressione ematica della zona interessata.

La sintomatologia è caratterizzata da dolore, edema e gonfiore dell’arto, vi può essere inoltre un aumento della temperatura cutanea della gamba, la cute può divenire lucida, rossa e talvolta cianotica (bluastra), le vene superficiali possono divenire più visibili, per compenso emodinamico.

Nel caso in cui l’ostruzione si verifichi nel circolo venoso profondo (TVP), i sintomi possono essere molto evidenti, l’arto appare edematoso e, soprattutto, queste condizioni rientrano nelle vere e proprie Urgenze Mediche, in quanto possono dare adito a complicanze di natura trombotica quali le Embolie Polmonari, potenzialmente fatali.

Lo sviluppo di una TVS/TVP è in genere associato a tre fattori

  • Stasi venosa, causata per esempio dalla lunga permanenza a letto, da apparecchi gessati o tutori, da pronunciata mancanza di liquidi o da una malattia varicosa già presente;
  • Lesioni vascolari, per esempio un intervento chirurgico, oppure da traumi o infiammazioni;
  • Alterazioni della coagulazione genetiche (ereditarie) o acquisite da malattie concomitanti (Es. neoplasie) o terapie farmacologiche (Es. Estroprogestinici).

In generale il rischio di sviluppare trombosi aumenta con l’età, con il sovrappeso, in gravidanza, nel puerperio, dislipidemia e nei fumatori.

La diagnosi avviene attraverso la visita specialistica clinica e con l’esecuzione di un esame Ecocolordoppler accurato e approfondito.

Diagnostica vascolare

La visita eseguita dal Dr. Gazzabin comporta un completo assessment clinico e anamnestico di ciascun paziente e dei disturbi che lo affliggono, attraverso un’analisi attenta e approfondita di Diagnostica Vascolare Eco-colordoppler, sia Venoso che Arterioso. Questa metodica strumentale, ad oggi, rappresenta il Gold Standard per la valutazione e la stadiazione delle Malattie Vascolari.

E’ possibile, inoltre, diagnosticare con esattezza l’origine e l’estensione di eventuali Trombosi Venose, che possono colpire sia il circolo superficiale che profondo, e che nascondono a volte difetti genetici ereditari della coagulazione.